Edilizia, iscrizione alla Cassa Edile requisito obbligatorio per ottenere il DURC

31 ottobre 2017

La CNCE, con comunicato del 23 ottobre 2017, ha chiarito che le imprese che operano nell'Edilizia e che svolgono lavorazioni merceologicamente riconducibili a tale attività, devono applicare il contratto collettivo dell'Edilizia che, peraltro, come noto, deve essere quello promanante dalle parti sociali comparativamente più rappresentative a livello nazionale; il possesso di tale requisito è condizione ai fini della regolarità e del corretto operare sul mercato nella leale competitività tra le imprese.

I pilastri di una corretta concorrenza sul mercato per tutti gli appalti di lavori pubblici e privati sono, infatti: 

  • la corretta applicazione del contratto collettivo;
  • l'applicazione del contratto collettivo giuridicamente rilevante;
  • il rispetto degli obblighi scaturenti dall'applicazione del contratto collettivo. 

A tal proposito, la Commissione Nazionale Paritetica per le Casse Edili ha ricordato la nota del Ministero del Lavoro del 24 marzo 2015 nonché l'art. 51 del D.Lgs. n.81/2015 e l'art.30, c.4 del D.Lgs. n.50/2016 (Codice degli Appalti).

Per quanto sopra, la CNCE ha invitato le Casse Edili/Edilcasse, in stretta collaborazione con le Istituzioni presenti sul territorio, a sensibilizzare gli operatori in tal senso, sollecitando le imprese a diffidare dall'utilizzo di contratti collettivi differenti e promananti da soggetti che non posseggono i requisiti richiesti per legge.

Sottolinea, inoltre, il comunicato che non bisogna dimenticare la giurisprudenza consolidata in materia - i cui pronunciamenti sono confluiti nelle attuali norme di legge - che fanno discendere quale corollario dell'applicazione del contratto collettivo dell'Edilizia, l'obbligo di iscrizione dei lavoratori in Cassa Edile.

Infine, non meno importante è quanto previsto dal DM 30 gennaio 2015 in forza del quale, dall'obbligo di iscrizione in Cassa Edile e dall'obbligo di effettuare i relativi versamenti deriva che la regolarità contributiva deve essere attestata per le imprese edili anche dalle Casse Edili, oltre che da INPS e INAIL.

Per quanto sopra, qualora il DURC sia chiesto da imprese edili che non risultino essere regolarmente iscritte presso le Casse Edili territorialmente competenti, sarà segnalata l’irregolarità ai fini del rilascio del DURC on line.

Archivio news

 

News dello studio

nov3

03/11/2017

Monitorare le ferie prima della fine dell'anno

Godere di un periodo annuale di ferie costituisce un diritto irrinunciabile, in quanto finalizzato al recupero delle energie psico-fisiche del lavoratore. Lo Studio fornisce un riepilogo delle norme

ott31

31/10/2017

Edilizia, iscrizione alla Cassa Edile requisito obbligatorio per ottenere il DURC

La CNCE, con comunicato del 23 ottobre 2017, ha chiarito che le imprese che operano nell'Edilizia e che svolgono lavorazioni merceologicamente riconducibili a tale attività, devono applicare il

ott31

31/10/2017

Una guida per il Libretto di Famiglia e le Prest.O.

L’INPS ha reso disponibile sul proprio sito una guida che chiarisce la procedura da seguire per attivare le nuove prestazioni occasionali sia in caso di Libretto di Famiglia che in caso di Prest.O.

News

giu22

22/06/2024

Ape sociale: quale penalizzazione sulla futura pensione?

In molti si chiedono se usufruire dell’Ape

giu22

22/06/2024

Scadenze fiscali di fine giugno: contribuenti alle prese con un fitto calendario

Anche nel 2024 la fine del mese di giugno